Categories:

Sonno e tecnologia: ecco il dispositivo che influenza i sogni

Il mondo dei sogni è da sempre oggetto di studio e continue ricerche.
Il fatto che oggi, nel 2020, l’uomo non sia ancora in grado di controllare e avere maggiori informazione dei propri sogni, proprio non va giù al mondo accademico.

Un interessante passo avanti lo hanno fatto recentemente gli scienziati del MIT di Boston, che hanno sviluppato “Dormio”: un dispositivo, da indossare prima di addormentarsi, che monitora continuamente lo stato di ipnagogia, la via di mezzo tra conscio e subconscio.

Il sistema è composto da due parti: un’app in grado di riprodurre e registrare audio; e un dispositivo indossabile, una specie di guanto che si attacca al polso, all’indice e al medio di lo indossa. Questo particolare strumento monitora la frequenza cardiaca, la posizione delle dita e altri segnali per controllare i ritmi del sonno.

Dormio si attiva quando l’utente entra in ipnagogia, la prima fase del sonno. E’ possibile sognare nello stato ipnagogico, fase in cui non è si è totalmente addormentati e si possono ascoltare rumori, voci, suoni.

Attraverso i suoi sensori, Dormio registra in tempo reale i parametri fisici per rilevare il preciso grado di coscienza dell’utente. Mantenendo il soggetto in costante stato ipnagogico, è possibile rivolgergli domande e ricevere risposte senza svegliarlo e, soprattutto, senza lasciare tracce nella sua memoria.

Dietro a questa scoperta c’è stato un esperimento condotto su 49 persone che hanno provato il dispositivo prima di andare a dormire. Quando una persona si addormentava, Dormio riproduceva segnali audio che ricordavano all’utente di “pensare a un albero”.

Una volta accertato che la persona si fosse realmente addormentata, il sistema la svegliava per pochi minuti, spingendola a dire cosa le stava passando per la mente mentre dormiva.

I risultati di questo studio, seppur sperimentale, sono stati straordinari, visto che il 67% dei report raccolti contenevano riferimenti diretti ad un albero.

Oltre ad aiutare a plasmare i sogni, secondo i ricercatori Dormio e il protocollo di incubazione dei sogni che hanno sviluppato potrebbero essere utilizzati per varie tecniche di apprendimento che ad esempio coinvolgono il consolidamento della memoria, o come strumento per stimolare la creatività e la risoluzione dei problemi, spingendo le persone a ricordare consapevolmente il pensiero fluido e vivido del loro stato ipnagogico.

Memory Standard Eco, il guanciale che si ricorda del tuo profilo

Chissà se un giorno tutti potremo avere in casa un dispositivo in grado di influenzare i nostri sogni, forse in un futuro non poi così lontano.

Nel frattempo, possiamo solo preoccuparci di dormire bene e far in modo che il tempo che trascorriamo da svegli, non sia condizionato negativamente da un sonno di cattiva qualità. Per riuscirci, le tante buone abitudini di cui abbiamo spesso parlato in questo blog a volte non sono sufficienti: il comfort e la comodità giocano un ruolo di primaria importanza.

In questo senso avere un cuscino in grado di ricordarsi la tua posizione mentre dormi potrebbe rivelarsi fondamentale.
Il nostro guanciale Memory Standard Eco è pensato per chi desidera un relax confortevole grazie al Memory che si modella perfettamente al profilo del collo e della testa.

Il rivestimento bielastico permette alla lastra di traspirare, rendendo il guanciale un microclima perfetto per il riposo salutare.

Non ci credi? Scopri le caratteristiche di questo fantastico cuscino sul nostro sito, oppure viene a provarlo con mano direttamente in uno dei nostri punti vendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *