Categories:

Mal di schiena: come dormire per stare bene

Chi soffre di mal di schiena lo sa, complice di gran parte del dolore è la postura. È il modo in cui si cammina e in cui si sta seduti a creare fastidi, dolori o infiammazioni. Ma siamo sicuri che riguarda solo la veglia? Passiamo molte ore a letto, almeno dalle 6 alle 8 ore per notte. Quindi, anche il modo in cui ci si stende per dormire è un fattore determinante per il mal di schiena. Per questo è necessario capire quali sono le posizioni migliori da assumere quando si ha mal di schiena. Per evitare cioè che il dolore diventi più acuto o, magari, anche evitare che insorga. Molto spesso sono proprio le abitudini sbagliate a causare problemi.

Per dormire bene tuttavia l’ideale sarebbe coniugare le giuste posizioni con un materasso ad hoc, come per esempio il materasso Dryform. Morbido e delicato, questo materasso ha marcatura CE ed è quindi considerato un dispositivo medico. La sua lastra si compone di due materiali differenti che insieme consentono di alleviare i dolori alla schiena ed alle articolazioni. L’Elioform garantisce un sostegno ortopedico, mentre il Medical Form garantisce di modellarsi intorno al corpo.
Scegliere un materasso del genere rappresenta il primo passo per un riposo all’insegna del vero benessere.

Lombalgia, le posizione giuste per dormire

Entriamo ora nel dettaglio delle posizioni migliori per dormire bene se si soffre di lombalgia. Parliamo di lombalgia in quanto il dolore alla schiena nella maggior parte dei casi è localizzato nella parte bassa, cioè nella zona lombare. Quelle che seguono non sono tanto delle leggi fisse, bensì dei consigli. Senza stravolgere le proprie abitudini a letto, è possibile introdurre qualche variazione e beneficiarne a livello fisico ed emotivo. Si sa che è tutta una catena, se dormiamo bene e ci svegliamo senza dolori, di conseguenza il nostro umore sarà migliore!

Posizione supina: per evitare dolori alla schiena o per alleviarli, dormire a pancia in su è la posizione ideale. Questo perché il peso del corpo viene distribuito in maniera uniforme; inoltre, testa, collo e colonna vertebrale sono perfettamente allineati ed punti di pressione minimizzati. Tuttavia, per beneficiare ancora di più della posizione prona è consigliabile mettere un cuscino sotto le ginocchia. L’aggiunta del cuscino aiuta a rilassare in misura maggiore la muscolatura lombare.

Su un fianco: anche se si dorme su un fianco, l’aggiunta di un cuscino può aiutare a dormire meglio. Esso andrebbe posizionato tra le ginocchia per correggere l’allineamento della colonna vertebrale. Il rischio che si corre infatti dormendo di lato è di non allineare la spina dorsale ed affaticare la zona lombare. Un cuscino tra le ginocchia consente quindi di ripristinare l’allineamento naturale tra fianchi, bacino e colonna vertebrale.

Posizione prona: si può dormire a pancia in giù anche se si soffre di mal di schiena, a patto che non si senta dolore. In questo caso il consiglio sarebbe di impiegare un cuscino sottile e metterlo sotto lo stomaco e sotto i fianchi, così da favorire il naturale allineamento della colonna vertebrale.
Abbiamo fatto la premessa che si può dormire in posizione prona in caso di lombalgia in quanto spesso viene sconsigliata. Questo principalmente perché si deve girare la testa di lato, cosa che potrebbe causare stress all’altezza del collo, delle spalle e della schiena. Ma non è detto che ciò accada, l’importante è che la testa poggi su un guanciale non troppo spesso.

Posizione reclinata: molte persone traggono beneficio dalla posizione reclinata, vale a dire quasi rialzata. Si può assumere utilizzando doppio cuscino oppure con una rete elettrica reclinabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *