Categories:

Quando si dice che un materasso è comodo?

È risaputo che passiamo 1/3 della nostra vita dormendo, quindi distesi su un letto, e da qui si evince la necessità di scegliere un materasso comodo. Infatti, una delle caratteristiche imprescindibili di un materasso è la comodità. Vediamo insieme quali sono gli aspetti che rendono un materasso accogliente e confortevole ed altresì quali sono gli aspetti da tenere in considerazione al momento della scelta.

In linea generale quel che possiamo dire è che un materasso è valido, e quindi comodo, se risponde correttamente alle esigenze di sostegno e di accoglimento. La sua offerta dovrebbe garantire un buon sostegno, cioè evitare che vi sia un eccessivo affondamento nel momento in cui ci si sdraia. In altre parole, il cedimento con il peso del corpo dovrebbe essere contenuto.

Ripetiamo il concetto fondamentale che un materasso dovrebbe garantire una buona accoglienza, traducibile come una buona distribuzione del peso del corpo ed una valida risposta in termini di elasticità. Questo significa che l’accoglienza va intesa come la capacità della struttura di compensare le varie sollecitazioni che il peso del corpo esercita sul materasso stesso. Quest’ultimo aspetto è molto importante perché contribuisce a mantenere perfettamente allineata la colonna vertebrale, è quindi utile per la salvaguardia della salute della schiena. Inoltre, è importante per garantire un adattamento corretto delle parti del corpo che si contraddistinguono per la loro spigolosità, come le spalle ed il bacino, e per sostenere le parti del corpo che sono invece concave. A seconda della posizione assunta durante il sonno, le parti del corpo concave cambiano, ecco per esempio che in posizione supina ad avere bisogno di maggiore sostegno sarà la zona lombare.

Detto questo, sottolineiamo il fatto che ognuno di noi ha una corporatura e delle caratteristiche fisiche differenti e quindi non può esistere un materasso universalmente perfetto, un materasso che è in assoluto il migliore di tutti…e per tutti. La percezione dell’ergonomia e del comfort è personale, dipende quindi dalla propria struttura corporea. Tuttavia, una rigidità eccessiva del materasso potrebbe creare una pressione troppo elevata su alcune parti del corpo e comportare a sua volta un’interferenza a livello di circolazione del sangue, causando quindi degli intorpidimenti fastidiosi. Una struttura particolarmente morbida, invece, potrebbe sì risultare comoda, ma non sostenere adeguatamente la corporatura e a lungo andare potrebbe causare dei problemi, soprattutto alla schiena.

Per quanto riguarda le diverse fisicità ci sono comunque dei consigli comuni che possono aiutare durante la fase di scelta del materasso. Generalmente vengono consigliati materassi più avvolgenti alle persone esili, le quali tendono ad affondare solo nella parte superficiale del materasso, e vengono consigliati invece materassi dalla struttura rinforzata per le persone robuste. Il materasso ideale per le persone pesanti dovrebbe essere tendenzialmente rigido e dovrebbe essere abbinato ad un buon sistema di molle o doghe.

Non va sottovalutato infine l’aspetto del comfort termico, perché un materasso è confortevole se favorisce anche la dovuta traspirazione corporea; fa parte del comfort e del benessere infatti il rimanere freschi ed asciutti durante la notte. Quindi anche il tessuto del rivestimento del materasso è un fattore da tenere in considerazione e per garantirsi un livello di comfort maggiore è giusto sceglierne uno che faciliti la traspirazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *