Categories:

Come scegliere la rete del letto

La qualità del sonno è influenzata da più fattori, tra cui una buona combinazione tra la struttura del letto ed il materasso. Affinché il letto sia effettivamente ergonomico e garantisca un buon bilanciamento dei carichi è necessario che il materasso sia supportato da una rete adeguata. Ciò significa che bisogna prestare molta attenzione nella scelta e nell’acquisto della rete se si ha già il materasso, o viceversa bisogna star attenti al tipo di materasso se si ha già la struttura del letto.
Ricordiamo inoltre che un altro aspetto fondamentale da tenere in considerazione al momento dell’acquisto sono le misure, in quanto ovviamente un telaio deve essere compatibile con la grandezza del materasso.

Iniziamo con il dire che chi ha delle patologie specifiche e gli è stato consigliato un materasso ortopedico, necessita sicuramente di una struttura ad hoc che può esser data, previo il consulto del proprio medico curante e degli specialisti del settore, dal piano ortopedico, vale a dire un piano unico in legno caratterizzato solamente da qualche fessura utile per la traspirazione della struttura.
Mentre per quanto riguarda tutte le altre tipologie di materassi la scelta ricade tra le reti a molle o quelle con le doghe, che sono decisamente più utilizzate, soprattutto quelle in legno che hanno ottime doti in termini di elasticità, ma anche di resistenza. Per quanto riguarda invece i telai le opzioni sono tra legno e metallo e la scelta viene fatta solitamente in base al gusto personale ed allo stile della camera da letto.

I vantaggi delle doghe in legno si rintracciano nella lunga durata nel tempo, la silenziosità nell’utilizzo e la non influenza sui campi elettrici e magnetici naturali. Prendendo in esame poi le caratteristiche di queste reti possiamo dire che l’aspetto da considerare come punto di riferimento per la scelta, oltre al tipo di legno, come il faggio per esempio che è molto valido, è la larghezza delle stesse. Infatti più sono larghe e quindi ravvicinate tra di loro e più donano supporto e rigidità al letto, mentre più sono sottili e più si percepisce una sensazione di morbidezza. La larghezza standard delle doghe è di 68 mm, ma se ne trovano anche di più larghe, come per esempio di 190 mm, o altre intermedie di 53 mm, o ancora sottili di 38 mm.

Andando più nel dettaglio possiamo dire che per i materassi in lattice una buona base è rappresentata dalle reti fisse con doghe in legno, le quali garantiscono un supporto uniforme su tutta la superficie di appoggio. Al contrario, andrebbero evitate le reti a maglia metallica in quanto i listelli flessibili esalterebbero eccessivamente l’elasticità del materasso.
Anche per i materassi in memory foam il consiglio ricade sulle reti con doghe in legno in quanto hanno anch’essi bisogno di una struttura solida.

Quelle viste finora sono le reti a doghe più comuni e quindi fisse e non ammortizzate, ma ci sono modelli anche reclinabili, manualmente o elettricamente, ed altri con doghe ammortizzate. La scelta su queste particolari tipologie dipende ovviamente dalle esigenze e dalle possibilità di acquisto di ciascuna persona. Nella maggior parte dei casi il ricorso alle reti reclinabili è dettata da motivi di salute, mentre le doghe ammortizzate vengono scelte come un comfort aggiuntivo, in quanto grazie agli ammortizzatori aderiscono meglio al profilo del materasso e garantiscono un livello di comodità molto alto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *